Genuinità dell’appalto: Cass. Sez. Lav. 28 aprile 2020, n. 8256.

Con la sentenza n. 8256/2020, la Corte di Cassazione, in tema di genuinità dell’appalto, ha stabilito che “è esclusa la liceità dell’appalto ove l’appaltatore metta a disposizione del committente una prestazione lavorativa, mantenendo i soli compiti di gestione amministrativa del rapporto (quali retribuzione, pianificazione delle ferie, assicurazione della continuità della prestazione), ma senza che da parte sua ci sia una reale organizzazione della prestazione stessa, finalizzata ad un risultato produttivo autonomo.”